Problem Solving
Didattica

Di Alberto Cassini


Problem Solving Didattica?
Il Problem Solving è la capacità di risolvere problemi in qualsiasi contesto. Diventare un problem solver adeguato e cioè essere riconosciuto come leader di problem solving richiede tre “aspetti del sapere” differenti. I tre pilastri del sapere e cioè Conoscenza di base, Conoscenza pratica, Conoscenza del saper essere e dei comportamenti li rappresentano.
Coerentemente con l’etimologia della parola di origine greca, teoria e pratica dell'insegnamento, il problem solving ed in particolare il Metodo Cassini viene diffuso attraverso i tre pilastri base della didattica:
Formazione (Teorica e Pratica)
Allenamento
Verifica
Il modello formativo di riferimento per la formazione è il 10-20-70 che potrete trovare anche come 70-20-10. Il modello formativo fu sviluppato dal Center for Creative Leadership (CCL) a metà degli anni ’80. Morgan McCall, Michael M. Lombardo e Robert W. Eichinger intervistarono 200 clienti di successo in merito alla propria formazione e compresero dall’analisi di questi feedback che il percorso di successo doveva essere strutturato in queste tre categorie:
• 70% – coaching informale, sul posto di lavoro, basata sull’esperienza
• 20% – coaching, mentoring, sviluppo attraverso gli altri
• 10% – interventi di formazione formale e corsi strutturati (in aula)
Di norma un percorso formativo, come quello erogato da ProblemSolving.biz, è allineato a questa strategia e prevede 10 sessioni.
1) Una sessione è training on line o in aula
2) Due sessioni di pratica dove il trainers mostra esempi pratici
3) Sette sessioni di coaching dove il trainee, la persona che si sta formando, riceve coaching.
A queste sessioni, nel caso di certificazioni, vengono aggiunti altri due incontri di assessments nelle quali vengono erogati tests, iniziali e finali per validare l’apprendimento idoneo.
Unisciti a noi e partecipa attivamente alla comunità!
Buona Navigazione

immagine

Problem Solving Didattica